header image

Favorisce la coesione sociale

Favorisce la coesione sociale

Sono notevoli gli esempi che dimostrano come l’educazione differenziata possa contribuire a combattere l’insuccesso scolastico e promuovere la parità di opportunità tra gli alunni con situazioni socioeconomiche disagiate.

Il caso degli USA

Nel 2001 il Congresso degli Stati Uniti d’America approvò il No Child Left Behind Act (“Che nessun bambino rimanga indietro”) per far fronte all’insuccesso scolastico. Questa legge fece sì che i centri di educazione pubblica incorporassero programmi di educazione differenziata.

In meno di dieci anni, i centri pubblici con queste caratteristiche superarono il mezzo migliaio, con risultati molto positivi. Sia Barack Obama, presidente degli Stati Uniti, sia Arne Duncan, Segretario dell’Istruzione, si sono dichiarati pubblicamente a favore di questo modello.

VANTAGGI PER LE RAGAZZE

Il caso più rappresentativo è quello della la Young Women‘s Leadership School di New York, una scuola di Harlem per sole ragazze, il 70% delle quali vivevano sotto la soglia della povertà. Nel 1996, i suoi fondatori – sotto il mandato presidenziale di Bill Clinton – si resero conto che le ragazze vivevano in un ambiente dominato dai maschi.

Nell’anno 2002, la loro percentuale delle ammissioni all’università fu del 96%, contro la media del 50% di New York. Questi risultati furono mantenuti e nell’anno 2006 la TYWLS East Harlem ottenne il primo posto nella graduatoria di ammissione con un 100%. Nel 2007 questo indicatore fu del 97%, contro la media cittadina ancora del 50%.

Forte di quest’esperienza, la Young Women’s Leadership Foundation ha fondato altra scuole. Attualmente, la sua rete di centri educativi insegna a 1652 ragazze provenienti da situazioni economicamente disagiate tra i 12 e i 18 anni a New York, Philadelphia e Chicago. Nell’anno scolastico 2007-2008, la provenienza demografica delle alunne era la seguente: 51% afroamericane, 35% sudamericane, 9% asiatiche e 5% di altre origini.

L’istituzione di scuole per sole ragazze con lo scopo di migliorarne le possibilità di avanzamento sociale sta diventando una realtà anche in altre città del mondo.

VANTAGGI PER I RAGAZZI

Nei quartieri meno abbienti di Chicago, solo uno su 40 alunni afroamericani arrivava all’università. In seguito a questi numeri così preoccupanti nacque il progetto, Prep Urban Project, istituto pubblico per ragazzi afroamericani in cui si entra per sorteggio. La quota di successo scolastico di questi centri supera il 95%. Poiché una delle prime scuole visitate da Obama e sua moglie fu una di queste, i suoi alunni sono conosciuti col nome di little obamas. 

Fonti
- Duncan can provide change we need.Chicago Tribune, Letter to the Editor 12/19/2008
- Charter Schools, Why they work. Plus: Arne Duncan talks education. Chicago Magazine. Febrero de 2009 

TWITTER